Museo Mozart Vienna- La casa di Figaro

 

Dove Mozart compose «Le nozze di Figaro»

 

La Versione Premium (audio) in formato ZIP da scaricare!

Volete conoscere nel centro di Vienna anche quegli angoli più nascosti, fuori dai soliti tragitti turistici? Beh, allora vi conviene  scaricare ora tutte e 48 le pagine della versione premium. Troverete tanti consigli che vi saranno utili durante il Vostro soggiorno a Vienna.
Una possibilità unica di vivere la città in un modo divertente ed informativo a soli 9 € e 95 centesimi!

 

I 33 Museo Mozart: La casa di Figaro

L'abitazione di fronte a voi ha circa 300 anni. Qui nella Domgasse abitò il musicista più famoso di tutti i tempi: Wolfagang Amedeus Mozart, insieme a sua moglie Constanse.

Loro abitavano al primo piano di questa costruzione. Una abitazione di tutto rispetto: infatti una volta gli appartamenti più cari e più in vista erano proprio quelli ubicati al primo piano. Se ci fa caso, si accorgerà che, man mano verso l'alto, le finestre e anche l'altezza degli ambienti diventano sempre più bassi. Quindi di solito i piani alti erano gli alloggi dei ceti meno abbienti.

Nei dieci anni in cui Mozart visse a Vienna cambiò appartamento ben 13 volte. A seconda in che acque versavano le sue finanze. Non è che i soldi nelle sue mani durassero molto, comunque in questo periodo ne doveva avere abbastanza. Questa è una delle poche abitazioni di Mozart ancora presenti a Vienna.

Mozart nacque a Salisburgo.  La sua genialità non tardò a farsi notare. A sei anni aveva già viaggiato con il padre in tutta Europa e tutti lo conoscevano come bambino prodigio. Il suo primo lavoro lo ebbe presso il vescovo di Salisburgo: allora era normale per un musicista dipendere da qualcuno. Ma alle dipendenze del vescovo lui si sentiva come in una camicia di forza, quindi si licenziò e venne a Vienna, dove iniziò la vita dell'artista libero. Fu in questa casa che nacque l'opera " le nozze di Figaro".

Volendo visitare l'appartamento si accorgerà che è molto ampio ma non ammobiliato. Comunque visitarlo da una sensazione particolare se pensa che anche altri famosi musicisti europei hanno calpestato questi pavimenti. Per esempio Beethoven, perché a suo tempo prendeva lezioni da Mozart o Haydn, perché qui era di casa in quanto suo amico. Tutti sono passati sotto questo portone.


Se ne vuole sapere di più su Mozart, vada a vedere il monumento al lui dedicato, e ascolti la mia spiegazione del numero 42.